appunti 1


relazionare con il territorio

 

narrare per forme non consequenziali.

 

creare relazioni, accostamenti, parallelismi.

 

relazionare con intensità (mappe d’intensità e non descrittive) esistono in internet siti che parlano di cybergeografia indicando mappe “geografiche” intese come concentrazione di informazione in rete.

 

SGUARDO

nel campo del visibile si possono individuare tre considerazioni, impensabili sulla base della rappresentazione:

 

multisensorialità dell’occhio una visione- scrive Proust – non si rivolge solo ai nostri sguardi, ma richiede percezioni più profonde e dispone del nostro essere intero.

 

reversibilità dello sguardo il visibile mi vede, ponendomi in una esteriorità ed esposizione che lo specchio traduce in modo esemplare. il mondo è di fronte (intorno direbbe Ponty) ma io faccio macchia nel mondo. (Freedlander, con la sua ombra nelle fotografie sembra indicarcelo) ponendo un rapporto fra soggetti.

 

visibilità in sé la visibilità precede ogni vedere e ogni visibile, si interpone tra soggetto e oggetto, è il tra della loro differenziazione.

 

Scrive Sartre:

“…senza dubbio, ciò che manifesta più spesso uno sguardo è la convergenza verso di me di due globi oculari. Ma uno sguardo può anche essere dato da un fruscio di rami, da un rumore di passi seguiti da silenzio, dallo sbattere di un’imposta, dal leggero movimento di una tenda. Durante un assalto, gli uomini che strisciano nei cespugli, sentono come sguardo da evitare, non due occhi, ma un’intera fattoria che si staglia bianca contro il cielo, in cima alla collina”

 

Lo sguardo viene quindi determinato come una funzione indipendente dall’organo occhio, andando oltre una definizione del vedere in senso percettivo e sensoriale.

 

Occhio non come  organo di visione ma come mezzo di sostegno dello sguardo tanto che quando noi avvertiamo uno sguardo, non percepiamo più gli occhi.

 

è lo sguardo sentito, più che gli occhi visti a determinare la distanza e la portata intensiva (e non oggettiva) della vicinanza lontananza.

simulazione fotografica dell’avvicinamento mediante lo ZOOM (distanza fisica nel senso della direzione)

~ di marco su 14 maggio 2008.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: